Informativa

Questo sito si avvale di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Gite Turistiche e Monumenti

L'intera area prende il nome dal fiume Fortore che fa da confine naturale fra le regioni Campania, Molise e Puglia.
Le formazioni terziarie argillose ed arenacee, profondamente incise dal reticolo fluviale, danno vita ad un paesaggio di profili altimetrici irregolari. Fondovalle tortuosi su cui incombono pendii accentuati, contrastano con le zone sommitali arrotondate, più adatte all'insediamento umano.
Nei massicci calcarei è particolarmente in alcuni campi ricchi di sorgenti, i suoli si presentano ad abbondanti pascoli naturali, mentre le pendici sono largamente ricoperte dal bosco, per lo più ceduo.
Il paesaggio si presenta dunque molto vario; i verdi seminativi, gli oliveti, i vigneti, i frutteti, e le zone boscate offrono particolari effetti cromatici che conferiscono al paesaggio panorami più distensivi.
I numerosi corsi d'acqua e i laghetti collinari costituiscono punti di piacevole attrazione. Sono infine interessanti le numerose fonti di acqua sulfuree sparse per tutta la comunità.
La superficie territoriale è utilizzata quasi sempre in forme estensive con larghissima prevalenza di colture cerealicole.
Nelle aree irrigue si pratica con discreti risultati l'ortofrutticoltura. I versanti meglio esposti ospitano vigneti ed oliveti in genere promiscui.
E' da ricordare infine la tabacchicoltura con varietà discretamente pregiate. Importante è l'allevamento del bestiame, soprattutto di bovini da latte e da carne. Le razze più diffuse sono la Frisona, la Bruno/Alpino, la marchigiana e la Podolica.
Il tipo di allevamento è vario: si passa dalla stabulazione fissa a quella semi brada. Dal latte delle mucche si ottiene dell'ottimo formaggio, soprattutto il caciocavallo Silano di Castelfranco in Miscano che ha ottenuto la denominazione di origine protetta. La zona montana, infine, è caratterizzata da un'area boscata tipica della montagna appenninica con prevalenza di quercia, pino, frassino, pioppo, olmo, acero e castagno.


Monumenti: 
Notevoli beni ambientali come il Boschi Frosolone, Renze Coppe, Fontanelle, Giuliante, Castelluccio e Frascineta, caratterizzati da cerri, querce, carpini neri, cipressi, aceri e frassino.
Ricordiamo anche il lago di S. Giovanni con una capacità di 60.000 metri cubi. 

Fra i beni architettonici ricordiamo il Campanile del 1700 circa.